INOBETA, start up innovativa cresciuta insieme a Forlì Self Storage

INOBETA è una start up innovativa, fondata a fine 2015 da Luca Palumbo (nella foto) e Salvatore Niglio e successivamente ampliatasi ad altri due giovani programmatori, il cui core business sta nello sviluppo di software personalizzato nell’ambito industriale, con specifico riferimento al monitoraggio e alla gestione di macchinari automatizzati di produzione. L’attività dell’azienda, basandosi su aspetti consulenziali e servizi avanzati, di fatto non necessita di attrezzature particolari, se non quelle relative alle attività digitali, quali tablet, PC, stampanti. Da qui la scelta dei fondatori di dotarsi di un punto d’appoggio flessibile, poco oneroso a livello di costi fissi, ma nello stesso tempo che garantisse tutti i servizi necessari al buon funzionamento.

“Queste nostre esigenze – spiega Luca Palumbo – si sono perfettamente incrociate con le opportunità che mette a disposizione Forlì Self Storage: fin dalla nostra costituzione utilizziamo un ufficio all’interno della struttura, usufruiamo della reception, che ci supporta anche quando siamo assenti, al bisogno ci serviamo delle sale riunioni e infine sono per noi preziosi anche i servizi di domicilio postale, di sede legale e di logistica, in merito alla spedizione e al ritiro materiali da corrieri che Marika Mambelli e le sue colleghe ci garantiscono. L’utilizzo di una sede tramite la modalità proposta da Self Storage per noi è un valore aggiunto importante non solo in termini di risparmio economico (rispetto ad un ufficio tradizionale), ma anche in termini di semplificazione gestionale, in quanto siamo sollevati da incombenze quali le utenze (acqua, gas, luce), con la possibilità di concentrarci al meglio sull’attività che svolgiamo. Mi preme, infine, sottolineare anche la positività del servizio in termini di rapporti umani, grazie alla disponibilità costante del personale di Forlì Self Storage, sempre pronto a soddisfare ogni nostra esigenza”.

Interessante e curiosa la denominazione dell’azienda, INOBETA: “Decidemmo di attribuirle questo nome – conclude Palumbo – in quanto il suffisso INO sta ad indicare la nostra propensione verso l’innovazione, mentre il termine BETA, indica la versione appena realizzata di un nuovo software: quindi una sintesi molto azzeccata per definire la nostra attività. Senza dimenticare, poi, anche un’altra motivazione che viene dal paese del Sol levante: nella lingua giapponese INOBETA significa innovatori”.